Currently browsing category

Entrate e Dogane

23244165_10203901418932689_8331271402667240746_n

Le novità in tema di manifesto elettronico

Secondo quanto riportato nel Manuale del Transito – parte IV – par. 3.10.2 – aggiornato lo scorso dicembre – l’utilizzo del regime di transito unionale è obbligatorio per il trasporto di merci non unionali su navi in servizio regolare di trasporto marittimo. Per servizio regolare di trasporto marittimo si intende …

1185439_3424499828082_563818231_n

I campioni in dogana

Qui si vuole discorrere dei campioni prelevati in dogana. In effetti l’Amministrazione sulla questione si è già pronunziata in occasione dell’entrata in vigore del TULD (DPR 43/73)[1]. Da allora, però, ne è passata di acqua sotto i ponti! Vale, pertanto, la pena di parlarne di nuovo. Nel frattempo, infatti, il …

1229941_3452588210274_451974580_n

Le cessioni di containers – Aspetti doganali e IVA

I containers sono diventati il mezzo principale per il trasporto di merci in ambito internazionale, soprattutto per quelle che viaggiano via mare, per le semplificazioni che consentono, sia dal punto di vista logistico, che dal punto di vista doganale, rispetto al trasporto di merce sfusa. Essi, inoltre possono essere caricati …

1236306_3444056476986_1419848957_n (1)

Il dichiarante deve essere stabilito nella Comunità

l’articolo 170 del CDU, 2° paragrafo, stabilisce, come già disposto dall’abrogato articolo 64, 2° paragrafo, lett. b) del CDC, che il dichiarante deve essere stabilito nella Comunità (ora Unione Europea). Per cui, sia vigente il CDC, sia dopo l’entrata in vigore del CDU, un soggetto extracomunitario per poter importare della …

Il pescatore

merci abbandonate – non basta il trascorrere del tempo

Nella transizione dal vecchio Codice Doganale Comunitario (Regolamento CEE 2913/92) al nuovo CDU (Regolamento (UE) n. 952/2013) parrebbe del tutto modificata la normativa relativa alle merci abbandonate. Vigente il vecchio CDC, cioè fino al 30.04.2016, il regime delle merci abbandonate era disciplinato sia dalle norme del CDC, sia da quelle …

388939_2447409121425_1206899307_n

Ancora sulla prescrizione dei diritti doganali

Ancora una volta il primo maggio 2016 deve essere considerato una linea di demarcazione. Questa volta qualora si tratti di termine entro il quale i diritti doganali possono essere richiesti. Della prescrizione insomma. Fino al 30 aprile 2016, vigente il Codice Doganale Comunitario, c’era una miscela esplosiva tra le disposizioni, …

24174604_10203970516900095_5807515955161570227_n

Le modalità di riscossione dei diritti doganali

Le modalità di riscossione dei diritti doganali sono differenti a seconda che si tratti di accertamento originario o di accertamento suppletivo. L’accertamento originario è specificamente disciplinato dagli artt. 8 e 9 del D.Lgs. 374/90 e dall’art. 105, 1° paragrafo del CDU. L’obbligazione che ne consegue sorge al momento dell’accettazione della dichiarazione …

10502489_4368205580136_1475027424554804420_n

le “esportazioni congiunte”

Ci soffermeremo su un tipo particolare di cessioni all’esportazione: le cosiddette “esportazioni congiunte”, caratterizzate dalla presenza di tre soggetti: un fornitore italiano (A), un soggetto stabilito in un Paese extra-comunitario (B) ed un terzo soggetto italiano (C). Il fornitore italiano (A) vende un bene ad un soggetto stabilito in un …

29174_126801540686500_126068937426427_182062_342024_n

I termini per il recupero dei diritti doganali

La disciplina concernente il termine entro il quale l’amministrazione doganale possa esercitare il proprio potere di accertamento presenta diverse incertezze interpretative dettate, in particolar modo, dalla coesistenza di norme nazionali e comunitarie. L’art. 103 del CDU (Regolamento (UE) n. 952/2013 del 9.10.13), che disciplina la prescrizione dell’obbligazione doganale, prevede, al …

cat=-1314