Chi resterà?

200px-Italian_traffic_signs_-_old_-_divieto_di_inversione_svgNon ce la fece più e decise di andarsene.

Lontano.

Il più lontano possibile.

Tutta la notte aveva sentito quella puttana urlare di finto piacere o starnazzare con altre donne del quartiere.

Donne o chissà che!

E aveva sopportato quell’orrendo puzzo che veniva da fuori. Perfino dalle scale del palazzo e dall’ascensore. E non c’era stato nulla da fare. Qualunque reclamo sarebbe stato bollato come sintomo di una diversità.

Che ci faceva lui in quel quartiere. in quel palazzo.

Niente! Se ne doveva andare.

Ma altrove!

Lontano! Il più lontano possibile.

Perché in  quei luoghi,  ormai così irrimediabilmente mutati,  non c’era più alcuna possibilità di integrazione.

Tutto, quindi, doveva essere distrutto.

Lasciato inesorabilmente alle spalle per cancellarne anche il ricordo.

A niente era servito niente!!!!!!

Già tanti erano scappati. Ora toccava a lui.

La fermezza della decisione alla fine lo rasserenerò.

Alfò

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>