Le linee guida dell’Agenzia delle Dogane in tema di origine non preferenziale

29572485_10204400242522967_1866163791144631444_nCon la nota prot. 70339/RU del 19 luglio 2018 l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha fornito delle indicazioni applicative per la corretta interpretazione norme in materia di origine non preferenziale contenute nel Codice doganale dell’Unione (Reg. Ue 952/2013 – CDU) e nelle relative disposizioni integrative (Regolamento delegato Ue 2446/2015 – RD).

Ai sensi dell’articolo 60, 2° paragrafo, del CDU le merci alla cui produzione contribuiscono due o più paesi o territori sono considerate originarie del paese o territorio in cui hanno: i) subito l’ultima trasformazione o lavorazione sostanziale ed ii) economicamente giustificata, iii) effettuata presso un’impresa attrezzata a tale scopo, iv) che si sia conclusa con la fabbricazione di un prodotto nuovo o abbia rappresentato una fase importante del processo di fabbricazione.

Per poter stabilire se ricorrono i requisiti oggettivi per considerare un prodotto di origine non preferenziale di un determinato paese o territorio occorre, preliminarmente verificare se il prodotto rientra in quelli elencati nell’allegato 22-01 del RD. Nel caso vi sia ricompreso si considera che esso abbia subito l’ultima trasformazione o lavorazione sostanziale nel paese o territorio in cui le regole contenute nel citato allegato sono soddisfatte o che è identificato dalle stesse.

La vera novità contenuta nelle linee guida in commento è che l’Agenzia delle Dogane ha riconosciuto valenza alle “regole di lista” elaborata dalla UE in sede di negoziati OMC.

Le predette regole, pur non avendo vincolante, fungono da ausilio per la determinazione dell’origine non preferenziale.

In alternativa è possibile verificare se ricorrono le condizioni di cui al terzo paragrafo dell’art. 33 del RD, il quale stabilisce, come criterio residuale, che un prodotto è di origine non preferenziale del “… paese o territorio in cui è originaria la maggior parte dei materiali, determinata sulla base del valore degli stessi”.

Giovanni Gargano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>